Variano i requisiti di accesso alla rottamazione delle cartelle e le relative scadenze

carettlaesattoriale

Cambiano ancora le norme che  riguardano la rottamazione delle cartelle esattoriali e  anche i termini di scadenza per il versamento delle imposte.In un primo momento si prevedeva come termine per presentare l’istanza:il 23 gennaio 2017 ma con l’emendamento approvato in Commissione Bilancio il termine di presentazione dell’istanza viene prorogato al 31 marzo 2017. Nella domanda di “adesione alla procedura” che andrà presentata ad Equitalia SPA si dovrà indicare la modalità di pagamento prescelta, ossia in un’unica rata o rateale. In caso di pagamento rateale, si prevedeva  un numero massimo di rate pari a quattro e l’ultima doveva essere pagata entro il 15.03.2018; ora invece il numero massimo di rate viene portato a 5, delle quali 3 dovranno essere pagate nel 2017 e 2 nel 2018. Era altresì previsto che entro il 24 Aprile 2017, l’Agente della riscossione  comunicasse al contribuente l’accoglimento  fornendo al contribuente un prospetto con il quale si indicassero le somme da versare. Slitta conseguentemente anche il termine per la risposta di Equitalia, che dovrà pervenire entro la fine del mese di Maggio.Per quanto riguarda i  requisiti di accesso nell’ambito del DL 193/2016 , si prevedeva la possibilità di accedere alla definizione agevolata solo  per i ruoli“  compresi tra il 1/01/2000 ed il 31/12/2015; ora tale periodo viene esteso, ricomprendendovi anche i ruoli del 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *