Le nuove scadenze fiscali a decorrere dal 2017

download

Con la riscrittura dell’articolo 21, D.L. 78/2010 viene  sostituito il vecchio spesometro con una comunicazione telematica dei dati relative alle fatture emesse, ricevute e registrate nel trimestre di riferimento. La comunicazione riguarderà anche i dati contenuti nelle bollette doganali d’importazione, nonché i dati contenuti nelle note di credito.L a trasmissione telematica dei dati dovrà avvenire, per quasi tutti i trimestri, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ciascun trimestre , con una posticipazione della scadenza riferita al secondo trimestre, fissata al 16 settembre per ovvie ragioni.l decreto milleproroghe ha previsto, solo per l’anno 2017:

  • un accorpamento degli adempimenti in due semestri anziché in quattro trimestri;

  • la scadenza del 16 settembre 2017 per il primo semestre 2017 e del 28 febbraio 2018 per il secondo semestre 2017.

Trimestre di riferimento

Scadenza a regime

Scadenza 2017

1° trimestre (gennaio/febbraio/marzo) 31 maggio Cumulativamente al 16 settembre 2017
2° Trimestre (aprile/maggio/giugno) 16 settembre
3° trimestre (luglio/agosto/settembre) 30 novembre Cumulativamente al 28 febbraio 2018
4° Trimestre (ottobre/novembre/dicembre) 28 febbraio

Il D.L. 193/2016 introduce l’ulteriore obbligo di trasmissione telematica dei dati contenuti nelle liquidazioni periodiche effettuate ai fini Iva. Tale  adempimento,  dovrà seguire la periodicità trimestrale con le medesime scadenze previste a regime per la comunicazione di cui al precedente articolo 21.È importante notare che in relazione a tale secondo adempimento non è previsto alcun accorpamento o proroga, per cui già per il 2017 saranno applicabili le scadenze trimestrali a regime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *